progetto di vita
dal 1998 il percorso con Voi
I NOSTRI PUNTI INFORMATIVI
La nostra sede
Viale Oriano, 20
24047 Treviglio (Bg)
Martedì - Venerdì
dalle ore 9,30 alle 11,30

Tel. 0363 305153
DH Oncologico
Ospedale di Treviglio
Lunedì - Mercoledì - Giovedì
dalle ore 9,30 alle 11,30

Tel. 0363 424739
EDIZIONI


Spazio Tecnico

Quando Magro non è Sempre Bello

Si calcola che circa il 40% dei malati oncologici sia dimagrito al momento della diagnosi o andrà incontro a problemi nutrizionali sia per la malattia (pensiamo ai tumori del distretto testa-collo oppure a quelli gastroenterici) sia per i trattamenti chirurgici, chemioterapici e/o radioterapici. La perdita di peso dipende da vari fattori, tra i quali:

la produzione di sostanze chimiche a opera delle cellule tumorali, portano a un consumo più rapido di grassi e proteine, determinando una riduzione del peso a parità di apporto calorico;

il cattivo assorbimento (malassorbimento) delle sostanze nutritive, specie in conseguenza di interventi chirurgici di rimozione di tratti gastroenterici; le difficoltà di masticazione o di deglutizione o di percezione dei sapori dovute alla sede del tumore (bocca, gola o altre parti del volto) o alla terapia; la riduzione dell’appetito: una persona malata può essere molto debole, soffrire di depressione, avere dolori vari non ben controllati, avere nausea o vomito o difficoltà nella respirazione, tutte situazioni che tolgono la voglia di mangiare.

A tutto ciò si aggiungono i danni datti dalle fake news ovvero tutte quelle notizie false diffuse dalla rete che portano talvolta i pazienti ad eliminare dalla propria dieta una serie di alimenti che sono invece fondamentali per il nostro organismo. E’ importante infatti sapere che non esiste nessun regime dietetico in grado di curare un tumore né di favorirne la crescita.

E’ di estrema importanza invece cercare di mantenere una dieta bilanciata per recuperare le forze, affrontare meglio le terapie, ottimizzare l’effetto dei farmaci, combattere le infezioni e far funzionare al meglio il sistema immunitario.

Per prevenire la perdita di peso si possono mettere in atto diverse strategie: in alcuni casi può essere sufficiente rivedere la dieta, in altri casi sono utili dei supplementi nutrizionali assunti per bocca, mentre in altri può essere necessaria una alimentazione artificiale enterale (somministrazione di alimenti attraverso il posizionamento di una sonda posizionata nell’apparato digerente del paziente che è impossibilitato a nutrirsi per via orale) o parenterale (somministrazione di nutrienti direttamente per via venosa); sia la nutrizione enterale sia la parenterale possono essere eseguite anche al domicilio e la scelta dipende dalla causa che ha determinato la difficoltà ad alimentarsi e dai desideri del paziente (ad esempio la nutrizione enterale può essere eseguita tramite sondino naso-gastrico o il confezionamento di una digiunostomia, posizionando un sondino nel digiuno, quella parte dell’intestino subito dopo il duodeno, attraverso un piccolo intervento chirurgico).

L’oncologo, il medico di assistenza primaria (MAP) o il paziente non possono affrontare il problema “da soli”: il problema va affrontato in modo multidisciplinare. Per questo motivo l’anno scorso la nostra Unità Operativa di Oncologia ha messo intorno ad un tavolo medici di diverse discipline, farmacista, infermieri, psicologo, dietisti e MAP per creare un percorso diagnostico-clinico nutrizionale per i nostri malati che hanno o che potrebbero andare incontro a problemi nutrizionali. Da questi incontri è nato un percorso finalizzato a fornire la miglior assistenza possibile al paziente, sia in ospedale che sul territorio. La stretta collaborazione tra i medici oncologi, i chirurghi, i radioterapisti con il medico nutrizionista e il dietista possono aiutare i pazienti a recuperare il peso perso, prevenire cali ponderali e affrontare con maggiore energia le cure.

Mary Cabiddu
Dirigente di I° livello
Oncologia Medica ASST - Bg Ovest
Treviglio

reparto oncologia treviglio
S.C. di Chirurgia Oncologica - Azienda Ospedaliera Treviglio-Caravaggio
azienda ospedaliera treviglio
hospice treviglio
Nuove sinergie
Lions international
Si ringraziano
le aziende
banca di credito cooperativo - cassa rurale treviglio
colombo filippetti
LG consult
gpe ardenghi
stucchi
moreschi chiusure idustriali
fratelli frigerio

 
 

 
Associazione "Amici di Gabry" ONLUS - Via Matteotti, 125 - 24045 Fara G. d'Adda (Bg) - P.IVA/C.F. 02645050168